IL GRANDE GIOCO DEL NAUTILUS E LA LEGGE DI ATTRAZIONE

Da qualche anno a questa parte non si sente parlare che di Legge di Attrazione. L’argomento è entrato a far parte della conoscenza collettiva anche grazie al libro The Secret che ne ha divulgato l’insegnamento a livello mondiale.

Per chi ancora non avesse capito di cosa si tratta, la Legge di Attrazione è quella legge universale secondo la quale gli umani agiscono come magneti, in grado di attrarre come una calamita tutto ciò che intensamente pensano.

Funziona così perché i nostri pensieri hanno una vibrazione, sono delle emanazioni di energia e, di conseguenza, stimolano dei legami con tutto ciò che vibra alla medesima frequenza.

Questo significa che è indispensabile fare attenzione ai nostri pensieri, perché questi hanno il potere, nel bene o nel male, di attrarre qualsiasi cosa che sia analogo ad essi.

Ben lungi dall’essere un affascinante concetto new age, la Legge di Attrazione trova le sue fondamenta scientifiche nella fisica quantistica. Questo ci pone di fronte ad una visione rinnovata della realtà: secondo la teoria dei quanti, tutto esiste ora, nulla è predeterminato; tutto esiste sotto la forma di un’onda di infinite possibilità.

In ogni momento, utilizzando il nostro libero arbitrio, scegliamo una di queste possibilità. Lo facciamo tramite l’osservazione, che provoca un collasso della funzione d’onda corrispondente. Non si tratta però certo di un’osservazione che ha luogo tramite gli occhi. Sarebbe fin troppo semplice osservare una banconota da 500 euro e vederla materializzarsi nelle nostre tasche. L’osservazione implica l’atto di sentire le emozioni che si dipartono dai nostri pensieri. E’ un processo difficile da realizzare e da tenere sotto controllo, perché è inconscio. Se i nostri pensieri, ad esempio, sono imperniati di paura, tra le infinite possibilità finiremo per scegliere quelle che ci provocano maggior timore.

Per questo motivo comprendere davvero come si sviluppa questo meccanismo, e mettendolo in atto, rappresenta il miglior supporto per superare qualsiasi ostacolo e realizzare i propri obiettivi.

Il problema è che pochi sono in grado di gestire i propri pensieri. In genere li indirizziamo verso ciò che vogliamo evitare invece che in direzione di ciò che vogliamo ottenere. Come fare, allora, per verificare che la Legge di Attrazione non è affatto un’illusione, o peggio una presa in giro, ma un’opportunità da sfruttare laddove si impari a capirla davvero e ad usarla?

La risposta arriva da Elena Pirrera, autrice del libro Attrattologia, un viaggio tra Scienza, Fisica Quantistica, Spiritualità e PNL che, attraverso una mappa ben realizzata, può condurci alla meta.

La chiave sta nel tornare in contatto con il nostro bambino interiore, che ha in custodia la chiave per accedere al nostro laboratorio alchemico, dove i sogni vengono trasmutati in realtà.

L’offerta inedita di questo volume, che lo distingue tra le diverse pubblicazioni sull’argomento, è la presenza del “Grande Gioco del Nautilus”, uno strumento che aiuta a sintonizzarsi sulla frequenza del ricevere.

In fondo, cosa meglio di un gioco può stimolare il nostro bambino interiore a risvegliarsi per condurci verso la realizzazione materiale di quel grande piano che l’Universo ha in serbo per ciascuno di noi?

Attrattologia Elena Pirrera Attrattologia
Come attrarre ricchezza ed essere felici – Contiene il “Grande Gioco Attrattivo del Nautilus”
Elena Pirrera

Compralo su il Giardino dei Libri

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali.