LEZIONI DI MERAVIGLIA – Viaggi tra Filosofia e Immaginazione

Uno dei lati positivi di questo fenomeno sempre più diffuso legato alla ricerca di se stessi e del senso della propria vita è quello di avere riscoperto il valore della filosofia.

Ma cos’è la filosofia? E’ amore per il sapere, come ci raccontano da secoli? Non proprio.

L’etimologia della parola stessa, più che di amore per la filosofia ci racconta quella condizione tragica di chi la conoscenza la ricerca, ma la sente sfuggire ogni volta dalle mani.

Non a caso, Andrea Colamedici e Maura Gancitano parlano del filosofo come dello spasimante della conoscenza.

I due hanno dato alle stampe un manuale dove dipingono il filosofo come colui che in maniera meticolosa osserva il reale, cercando di comprenderne la forma, il senso e la direzione che prenderà in futuro. Lo definiscono in maniera ironica una specie di groupie del mondo, ovvero un fan ossessionato dal reale, che scopre di essere innamorato della vita e che, sulla base della mappa dell’amore, persegue il desiderio di modificare se stesso in funzione della realtà.

Da dove nasce questa ossessione? Cosa bisogna fare per risvegliare il proprio potere e impiegarlo?

Il manuale “Lezioni di Meraviglia”, attraverso un’ottima narrativa, si propone di guidare il lettore verso l’applicazione delle grandi scoperte della filosofia nella vita quotidiana. Aldilà di qualunque condizionamento o disagio dell’esistenza, lo scopo è quello di far recuperare a tutti la capacità di meravigliarsi, che è poi il grande segreto della filosofia.

Più che rispondere ai vari “perché” imposti dalla filosofia, questo libro aiuta a riconoscersi tra le grandi filosofie del passato, sviluppando degli strumenti personali per approfondire la conoscenza del proprio mondo e per trasformarlo.

Perché, in definitiva, la filosofia non deve essere un pretesto per sfuggire alla realtà, ma lo strumento per affrontarla in modo profondo. Per questo è per persone coraggiose, la filosofia. Per chiunque sia pronto ad affrontare di petto anche ciò che appare come la più grande tra le sfide: la mancanza di senso dell’esistenza.

E allora è dall’ignoto, dal terrore e dallo scoramento, che altro non sono che la meraviglia estrema, che si può ricominciare a “filosofare”.

Il filosofo diventa allora il navigatore, colui che vuole scoprire nuove terre e si imbarca verso l’ignoto, pronto a sperimentare la meraviglia.

Il filosofo diventa anche il poeta, non tanto perché compone versetti, quanto perché è egli stesso una composizione poetica.

Ma il filosofo è anche molto altro: tutto ciò che si scoprirà in questo prezioso volumetto attraverso il quale imparare ad essere noi stessi dei piccoli filosofi.

Lezioni di Meraviglia Andrea Colamedici Lezioni di Meraviglia
Viaggi tra filosofia e immaginazione
Andrea Colamedici, Maura Gancitano

Compralo su il Giardino dei Libri

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali.

Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

Altre notizie