I biscotti della Gioia di Santa Ildegarda [RICETTA]

La primavera è il periodo migliore per celebrare Ildegarda di Bingen, la mistica medievale renana, veggente, scrittrice e guaritrice. La natura sta rifiorendo in tutti i suoi colori sgargianti e questo si allinea alla perfezione al concetto centrale della vita di Santa Ildegarda, la viriditas, il divino che si trova in ogni essere vivente. Ildegarda è una guida, una maestra e oggi la sua figura è tornata a brillare, grazie a tanti autori che scrivono della sua vita e dei suoi rimedi naturali.

Nei miti pomeriggi primaverili, non c’è nulla di meglio che rilassarsi con una tazza di tè – o una tisana – e i biscotti della gioia di Ildegarda. Che sono comunque ottimi consumati in qualunque stagione.

Essendo Santa Ildegarda una guaritrice, era molto attenta alle proprietà medicinali di erbe e spezie. Una miscela di cannella, noce moscata e chiodi di garofano alleviano la malinconia, ma non solo: sono in grado di ravvivare la nostra intelligenza innata, mantenendoci giovani nel corpo e nello spirito.

La sua abbazia di Rupertsberg aveva molti benefattori e scambiava merci regolarmente con le città attigue. Ecco perché c’era la disponibilità di zucchero, di uova e di burro, provenienti dalle aziende agricole locali, da aggiungere alle erbe e alle spezie che venivano coltivate nel giardino dell’abbazia.

La sua ricetta dei biscotti della gioia ha subìto diversi adattamenti, nel corso del tempo. Quella originale si trova nel libro Physica: Liber Simplicis Medicina e ha 900 anni ormai.

Si possono accompagnare ad un ottimo caffè, al tè, ma anche assunti da soli, per aumentare la gioia e la positività. In questo caso, si consiglia di mangiarne non più di 3 al giorno.

I BISCOTTI DELLA GIOIA DI SANTA ILDEGARDA - Ricetta
 Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 15 minuti
Ricetta per circa 30 biscotti

Ingredienti
1 panetto e ½ di burro o di margarina
1 tazza di zucchero di canna
1 uovo
1 cucchiaino di lievito
1 pizzico di sale
1 tazza e ½ di farina
1 cucchianino di cannella in polvere
1 cucchiaino di nove moscata in polvere
½ cucchiaino di chiodi di garofano in polvere

Preparazione
Lasciare che il burro si ammorbidisca a temperatura ambiente e poi formare una crema con lo zucchero di canna. Sbattere l’uovo insieme alla crema ricavata. Setacciare gli ingredienti secchi. Aggiungere la metà degli ingredienti secchi e mescolare. Aggiungere l’altra metà e mescolare accuratamente. Riscaldare il forno a 180° C. Formare delle palline di pasta della dimensione di una noce, riporre su una teglia ricoperta da carta forno e stenderle fino ad appiattirle. Cuocere per 12-15 minuti, finché i bordi non saranno dorati. Sfornare, lasciare raffreddare per 5 minuti, togliere dalla teglia e finire di raffreddare su una griglia.

La linea di prodotti Theasaura Naturae, che si ispira alle ricette e ai rimedi medicinali di Ildegarda, propone anche i Marcellini, i biscotti della gioia, in confezioni da 200 g, prodotti con ingredienti biologici indicati anche per vegani e vegetariani.

Ildegarda von Bingen era anche un’eccellente musicista e compositrice. In un momento di relax, si creerà un’atmosfera fortemente spirituale diffondendo nella propria casa la sua celestiale musica, disponibile in numerosi cd acquistabili qui.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali.


Altre notizie