Le 7 emozioni di base secondo la Medicina Tradizionale Cinese

In Medicina Tradizionale Cinese le emozioni sono considerate la principale causa di malattia interna. Quando siamo esposti ad uno stress prolungato oppure ad abbondanza di gioia, rabbia, dolore e paura, si possono verificare delle lesioni anche gravi nei nostri organi, confermando l’idea che l’equilibrio delle emozioni è la chiave per godere di una salute ottimale.

Legame tra emozioni e salute

Il Su Wen afferma che:

I 5 organi Yin del corpo umani producono 5 tipi diversi di energia, che a loro volta portano gioia, rabbia, dolore, preoccupazione e paura

La MTC ritiene inoltre che alcuni organi siano legati all’e attività emozionali: il cuore è legato alla gioia, il fegato alla rabbia, la milza alla rimuginazione, i polmoni all’ansia e i reni alla paura.

Le emozioni sono considerate le cause principali della malattia e l’attività emotiva viene vista come una normale risposta fisiologica interna agli stimoli dell’ambiente esterno. Entro i limiti normali, le emozioni non causano alcun problema o debolezza organica. Tuttavia, quando le emozioni diventano così potenti da essere incontrollabili o da sopraffare una persona, allora possono causare delle lesioni e aprire la porta alla malattia.

Non è tanto l’intensità quanto la durata prolungata o un’emozione estrema che può provocare dei danni. Mentre i medici occidentali tendono a sottolineare gli aspetti psicologici dei disturbi psicosomatici, il danno patologico agli organi interni è effettivo e di primaria importanza per un praticante di medicina cinese.

Bilanciamento delle energie yin e yang

L’eccesso dell’attività emotiva provoca un grave sbilanciamento delle energie yin-yang, che si traducono in uno squilibrio del flusso del sangue, del qi (energia vitale), in un blocco dei meridiani e alla compromissione delle funzioni di organi vitali. Una volta che il danno fisico si è verificato, non è sufficiente eliminare l’emozione coinvolta per invertire il processo: occorre anche un’azione fisica. Le emozioni rappresentano diverse reazioni umane a determinati stimoli e non causano la malattia in condizioni normali.

Le sette emozioni patologiche possono:

  • compromettere il qi dell’organo
  • influenzare le funzioni del qi dell’organo
  • avere effetti dannosi sull’instabilità emotiva

Le 7 emozioni in Medicina Tradizionale Cinese

  1. Gioia
  2. Rabbia
  3. Ansia
  4. Rimuginazione
  5. Dispiacere
  6. Paura
  7. Terrore

Gioia

quando si è troppo allegri, lo spirito si disperde e non viene immagazzinato

afferma il Lingshu. Tuttavia, in MTC la gioia si riferisce a stati di agitazione e sovreccitazione, piuttosto che al concetto passivo di profonda contentezza. L’organo più colpito è il cuore. Un eccesso di stimolazione può portare a problemi di calore del cuore, con sintomi come agitazione, insonnia e palpitazioni.

Rabbia

La rabbia, come viene descritta in MTC, copre l’intera gamma di emozioni associate, tra le altre, al risentimento, all’irritabilità e alla frustrazione. Un eccesso di sangue denso rende inclini alla rabbia. La rabbia influisce quindi sul fegato, causando la stagnazione del qi. Questo può portare l’energia del fegato a risalire verso la testa, con conseguenti mal di testa, vertigini e altri sintomi. A lungo termine, può anche portare a pressione alta e influire in modo negativo su stomaco e milza.

Ansia

Quando si è in ansia, l’energia vitale è bloccata e non si muove. L’ansia influenza i polmoni, che controllano il qi attraverso la respirazione. Il sintomo più comune di ansia è avere un respiro corto e irregolare. L’ansia va poi a danneggiare l’organo accoppiato ai polmoni, l’intestino crasso. Ecco perché le persone ansiose sono inclini alla colite ulcerosa.

Rimuginazione

In MTC la rimuginazione è il frutto dei troppi pensieri e di un’eccessiva stimolazione mentale e intellettuale. Qualunque attività che comporti sforzo mentale eccessivo, può causare una disarmonia. L’organo più a rischio è la milza. Questo può portare ad una carenza di energia vitale a quel livello, cosa che causa a sua volta preoccupazione e conseguente affaticamento, letargia e incapacità di concentrazione.

Dispiacere

I polmoni sono l’organo più direttamente coinvolto con questa emozione. Un’espressione normale e sana del dolore può passare attraverso il pianto, che ha origine nel profondo dei polmoni, coinvolti con la respirazione profonda che dà luogo all’espulsione dell’aria e al singhiozzo. Tuttavia, il dolore che resta inespresso e diventa cronico crea disarmonia a quel livello, indebolendo l’energia vitale del polmone. Questo a sua volta può interferire con la funzione della circolazione del qi del polmone in tutto il corpo.

Paura

La paura è un’emozione normale e adattiva, tipica degli esseri umani. Quando questa diventa cronica e causa un senso continuo di paura percepita, non si può affrontare direttamente. Questo meccanismo porta alla disarmonia. Gli organi più a rischio sono i reni. In caso di paura estrema, la capacità del rene di trattenere la sua energie vitale può essere compromessa, cosa che porta alla minzione involontaria. Il problema colpisce in modo particolare i bambini.

Terrore

Il senso di terrore è un’emozione non legata in modo specifico ad un solo organo. Si distingue dalla paura per la sua natura improvvisa e inaspettata. Il senso di terrore colpisce in particolar modo il cuore, soprattutto nella sua fase iniziale, ma se persiste per qualche tempo, diventa paura consapevole e sposta la sua influenza sui reni.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali.

Acquista Online su SorgenteNatura.it

Altre notizie