TIROIDE: ECCO PERCHE’ NON RIESCI A PERDERE PESO

tiroide-pesoSe ciascuno di noi ricevesse 1 centesimo ogni volta che sente una donna lamentarsi del suo peso, saremmo tutti un po’ più ricchi.

Migliaia di donne esprimono la loro incapacità a dimagrire, nonostante una dieta ed una attività fisica durissime e un’alimentazione sana. Per ciascuna donna ci sono molte variabili individuali, ma esiste un fattore persistente nella maggioranza dei casi.

Spesso nessuno sa nulla del funzionamento della tiroide.

Che cos’è la tiroide?
Si tratta di una piccola ghiandola a forma di farfalla, situata nella parte anteriore del collo, che controlla il tasso metabolico di ogni cellula del nostro corpo. Con una tiroide particolarmente pigra, è pressoché impossibile perdere peso. Questa ghiandola converte infatti l’ossigeno e il calore in energia. Con una tiroide lenta, ci si sente stanchi e assonnati, anche quando si riposa e si dorme molto. La tiroide controlla tutto, dall’energia all’appetito; dalla temperatura del corpo al peso, fino alla libido. Una tiroide sbilanciata, crea grossi scompensi alla salute generale. Può influenzare il cuore, i livelli di colesterolo, il cervello, l’eliminazione delle tossine, le ossa e le articolazioni. Ignorare un problema alla tiroide può provocare condizioni di salute critiche.

Gli ormoni tiroidei
La produzione e la funzione degli ormoni tiroidei rappresentano un processo complesso e importante.

Tutto inizia con lo ioduro, un sale che viene estratto dal sangue e intrappolato dalla ghiandola tiroidea. Lo ioduro viene convertito in iodio nella tiroide. E’ qui che viene immagazzinato l’80% della fornitura di iodio nell’organismo. Lo iodio, a sua volta, è la materia prima utilizzata per la produzione della tiroxina (T4), l’ormone chiave della tiroide.

La tiroxina si trasforma poi in triiodotironina (T3), l’ormone biologicamente più attivo della tiroide. Altri due ormoni importanti nel processo dono l’ormone che stimola la tiroide (TSH o tireotropina) e l’ormone TRH, l’ormone di rilascio della tireotropina. Il TSH influenza direttamente l’intero processo legato alla cattura dello iodio e alla produzione degli ormoni tiroidei. Questo ormone è secreto dalla ghiandola pituitaria e viene monitorato dal TRH, prodotto nell’ipotalamo. Quando i livelli di tiroxina scendono anche di poco, la ghiandola pituitaria entra in azione per pompare il TSH, in modo che si possa stimolare la produzione di tiroxina.

Qualsiasi anomalia all’interno di questo intricato sistema di ghiandole e di ormoni di sintesi può avere delle conseguenze di vasta portata.

Modifica dello standard
Prima di tutto, il TSH non è un buon indicatore del funzionamento della tiroide, almeno non in quegli intervalli definiti come standard accettabile. Dopo il test, la maggior parte dei risultati disponibili sono nel range della normalità, questo secondo gli standard medici. Se il THS è superiore a 5,5 l’individuo è invece considerato ipotiroideo (soffre quindi di ipotiroidismo); se è inferiore a 0,5 l’individuo è considerato ipertiroideo (affetto cioè da una iperattività della tiroide). Alcuni di questi livelli sono in procinto di essere rivisti.

I risultati dimostrano però un aumento del disturbo legato all’ipotiroidismo e sembra addirittura che la percentuale di persone che ne soffrono stia superando quella di chi ha problemi di diabete o addirittura di cancro.

Molte persone hanno una tiroide molto pigra e non sanno nemmeno di avere questo problema. I sintomi sono spesso poco manifesti, come sensazione di freddo, stanchezza, difficoltà a perdere peso, difficoltà a dormire e sbalzi di umore.

Cosa causa uno sbilanciamento alla tiroide?
Un rallentamento della tiroide può essere provocato da molte cause invisibili, tra cui:

  • Glutammato di sodio e acidi grassi cattivi, ormai così comuni nella nostra dieta, possono indebolire la tiroide

  • Carenza di iodio che impedisce alla tiroide di produrre gli ormoni necessari

Con l’età, il rischio di avere una tiroide sbilanciata aumenta drammaticamente a causa di:

  • Prescrizione di farmaci per il cuore, per la glicemia alta e per le ossa

  • Esposizione a troppo fluoro e cloro nell’acqua, che interferiscono con la funzione normale della tiroide

  • Menopausa e gravidanza e conseguenti trattamenti estrogenici sostitutivi, che possono improvvisamente sballare la tiroide

  • Disturbi autoimmuni, che fanno andare in tilt la tiroide

I disturbi alla tiroide sono molto più comuni tra le donne rispetto agli uomini. Inoltre, sembra sempre più chiara l’evidenza di un legame tra l’esposizione ai pesticidi e i problemi alla tiroide.

La difficoltà a perdere peso o un aumento improvviso di questo sono due tra i più comuni sintomi di una tiroide lenta. Se la tiroide è pigra, il metabolismo rallenta e spesso si blocca. Così, i chili si accumulano e faticano ad andarsene.

Come correggere la disfunzione della tiroide
Con un buon funzionamento della tiroide

  • migliora la circolazione del sangue e diminuisce il senso di freddo

  • si schiarisce quel senso di “nebbia” nel cervello

  • cala la perdita di capelli, si spezzano meno le unghie e la pelle si reidrata

  • Migliorano minzione ed evacuazione

  • Cessano gli sbalzi d’umore improvvisi

  • Migliora il colesterolo

  • Si potenzia il cuore

  • Migliora la flessibilità

  • Ci si sente più gioiosi

Nutrienti per mantenere o migliorare la funzione della tiroide

Iodio: la componente principale degli ormoni tiroidei. Si tratta di un minerale traccia molto potente, di vitale importante per la funzione tiroidea. Sorprendentemente, il 75% dello iodio del nostro corpo viene immagazzinato nella tiroide. Ha una importanza fondamentale per i processi metabolici.

Muschio Irlandese: una meravigliosa sorgente proveniente dal mare. Questa alga benefica è una fonte eccellente e naturale di minerali.

Vitamina B-2: nutriente fondamentale per metabolizzare i grassi. Questa vitamina è essenziale, perché mantiene in attività a lungo la tiroide. Si accende il metabolismo, brucia i grassi e rilascia energia da carboidrati e proteine, così da perdere il peso eccessivo.

Magnesio: lo sciogli-grasso. Il magnesio è di vitale importanza poiché supporta molti dei processi strettamente connessi ad una tiroide sana. Purtroppo l’80% delle persone manifesta una carenza di magnesio, cosa che può influenzare la capacità delle cellule di utilizzare correttamente il glucosio per l’energia e il metabolismo. Ecco perché diventa difficile perdere peso.

Manganese: un certo numero di enzimi di manganese attivo svolgono un ruolo chiave nel metabolismo dei carboidrati, degli aminoacidi e del colesterolo: tre cose utili quando si persegue la perdita di peso.

Selenio: minerale fondamentale per la funzione tiroidea. Il selenio aiuta a convertire l’ormone tiroideo T4 nella forma attiva T3 di cui il corpo ha bisogno per avere più energia ed un metabolismo più forte.

Vitamina B-3: aiuta a produrre enzimi che convertono i carboidrati, il glucosio e i grassi in energia utilizzabile.

Vitamina B-12: amplifica l’energia e stimola il metabolismo. Aiuta a migliorare il flusso nel sangue, vitale per l’aumento di energia.

Vitamina B-1: fondamentale nei processi metabolici, in particolare nella conversione dei carboidrati.

Zinco Picolinato: vitale per una corretta funzione tiroidea.

Rame: si unisce a specifiche proteine allo scopo di supportare alcune funzioni del corpo e per l’energia.

L-tirosina: questo aminoacido è molto utile per la produzione di ormoni tiroidei e aiuta a stimolare la resistenza fisica e mentale.

Vitamina B-6: aiuta a convertire lo ioduro negli ormoni tiroidei e aiuta l’organismo ad assorbire meglio lo zinco.

Per ottenere tutti questi nutrienti, occorre prima di tutto iniziare una dieta sana e naturale, ricca di tutti questi elementi. In seconda battuta sarà molto utile ricorrere a degli integratori che vadano a colmare le carenze più significative. Il tutto rigorosamente sotto la guida di un esperto in alimentazione naturale e naturopatia, che valuterà caso per caso quali sono le migliori strategie da intraprendere.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo a cura di ©generazionebio.com. E’ possibile riproporlo non a scopi commerciali e integralmente solo citando la fonte e con un link cliccabile che punti all’articolo originale.