Se Per Gioco Fosse Vero: LA CHIAVE DEL CORAGGIO

key-courageAbbiamo trascorso un anno intero riferendoci costantemente al valore di alcune parole-chiave, come attenzione, scelta, creatività, amicizia, attesa, cambiamento, e non a caso il nostro 2015 si è concluso con il valore del lavoro, forse quello più importante perché ci sprona a considerare ogni sfera della nostra vita come strutturalmente dipendente dal nostro personale, inaggirabile impegno.

È arrivato il tempo dei bilanci, dei nuovi propositi, e dei regali. Scelgo una sola parola per questo 2016, e scelgo di guardare ad essa proprio come a una chiave magica.

È la Chiave del Coraggio il regalo che vorrei fare a tutte le persone che, in misure diverse e per i motivi più disparati, mi stanno a cuore.

Perdonare richiede coraggio, e il coraggio è proprio di chi ha cuore, ha scritto Daniel Lumera nel suo “I sette passi del perdono” [vedi Se Per Gioco Fosse Vero: IL PERDONO E’ UN’OPPORTUNITA’ (1/2)]

Questo significa anche che avere cuore e non “usarlo” coraggiosamente sarebbe un controsenso, uno spreco, se non proprio un’indiretta confessione di codardia, di inettitudine a vivere. Se la vita è un lavoro per chiunque ne voglia onorare il valore, il coraggio è ciò che può portarci a vivere del nostro lavoro.

Chi attentamente pensa, sceglie, parla, agisce, tace, perdona, crea, chi assicura e coltiva i rapporti con gli altri come la trama di un tessuto pregiato, chi attende, chi ama… ha il dovere verso se stesso e verso chi lo ama di tirare fuori questa chiave.

Per non accontentarsi, per non addormentarsi, per non invecchiare, per non ammalarsi, per non fare la fortuna di chi corre a fari spenti o di chi gioca al risparmio, per non arrendersi all’ambiguo e pietrificante sguardo del passato, di qualunque passato.

Nessuno di noi è finito, a meno che non decida, non creda di aver finito di conoscere e di creare se stesso. Ma per continuare il gioco, occorre giocar-si con coraggio. Quel coraggio che molto probabilmente da alcuni verrà raccontato come incoscienza, superficialità, pancia piena, trasgressione, immoralità, tradimento, pazzia, capriccio… e in tutti i restanti modi quanti sono quelli con cui la gente negli anni si è adattata a contenere, a esorcizzare, a scongiurare i rischi di ogni cambiamento “non necessario”. Quasi nessuno percepisce in tempo i rischi del rifiuto, della condanna verso i cambiamenti che partono dal nostro intimo essere. Come quando si vorrebbe cambiare facoltà universitaria in corsa, ma si ha paura di non trovare lavoro; come quando si vorrebbero frequentare altre persone ma si teme la reazione di chi da tempo ci è accanto e non condivide il nostro stesso desiderio; come quando si vorrebbe dire la verità ma si temono le incomprensioni alle quali quest’ultima ci condannerebbe con chi, sotto sotto, non ci ha mai capito.

E allora, piuttosto che sobbarcarsi la fatica di ristrutturare i piani di riferimento della propria esistenza, si rinuncia al cambiamento: dopotutto, ‘non è necessario’. Non è ‘necessario’ come quando la casa viene giù e devi per forza trovarne un’altra (rischiando finalmente di imbatterti in quella che hai sempre sognato). Non è ‘necessario’ come quando scopri di avere un male incurabile e devi per forza iniziare a pensare che non hai tutta la vita davanti per poter dire a qualcuno che lo ami o che non lo ami più. Ciò che non è necessario affrontare siamo programmati a procrastinarlo, senza quasi mai sospettare quanto preziosi possano rivelarsi i cambiamenti che nessuno ci costringe ad attuare se non precisamente il nostro istinto di libertà, di ricerca, di scoperta e di autodeterminazione.

A chi amo auguro di non aspettare un cambiamento necessario per capire che è sempre possibile imboccare una strada migliore, e di scoprire che un cambiamento voluto non è un atto di egoismo ma un gesto d’amore verso se stessi, l’unico rimedio a una logorante sicurezza.

La vita è un’avventura dietro ogni porta, e amare non è proteggersi dai pericoli, dalle maldicenze, da qualunque sofferenza, ma proteggere il diritto inalienabile che ogni uomo ha di esprimere attraverso se stesso il cuore ineffabile e infinito dell’Universo.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di Margherita Cardetta per generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali.

Il Coraggio della Felicità
Appunti sulla psicoanalisi nel tempo presente

Il Coraggio di Ascoltarsi
Guardare alle cose cambiando Prospettiva

Margherita Cardetta

Margherita Cardetta

Margherita Cardetta è nata a Gioia del Colle il 3 luglio 1978. Dopo la maturità classica ha proseguito con gli studi umanistici conseguendo la laurea in Lettere Moderne e una Laurea Triennale in Filosofia, presso l’Università di Bari. Parallelamente ha continuano ad arricchire e a stimolare la sua vita anche al di fuori degli ambiti accademici, considerando proprio la vita di ognuno di noi la vera università e il vero banco di prova per qualunque ricerca, da portare avanti con interesse e passione, per trovare la “chiave magica” per la serenità dell’anima.

Altre notizie