3 MODI PER AIUTARE CHI NON C’E’ PIU’

aiuto-aldilaMolti finiscono per rivolgersi a un medium perché vogliono sapere se le persone che non ci sono più e che hanno amato sono in pace e circondati dall’amore.

Ricevere dei messaggi attraverso un medium può alleviare il processo di lutto, così come dare la conferma che in qualche modo chi è passato oltre è comunque presente, in un’altra forma, nella vita quotidiana.

Eppure, non occorre rivolgersi a qualcun altro per comunicare con chi non c’è più. E’ una cosa naturale e normale sentirne la presenza, specialmente nei momenti più difficili e impegnativi. Molti lo hanno sperimentato. Ad esempio: succede mai che improvvisamente la soluzione a un problema o ad una preoccupazione spunti nei pensieri? Oppure che, in procinto di prendere una decisione, si abbia una forte sensazione, che deriva dall’intuito, che spinge a scegliere la cosa migliore? O addirittura che si abbia la percezione di trovarsi nel posto giusto, al momento giusto e di essere avvolti da una sorprendente fortuna? Queste e altre esperienze simili sono il segno che siamo guidati da una presenza invisibile, E’ probabile che una persona cara stia lavorando per assisterci e aiutarci.

C’è una cosa che, però, pochi sanno: è possibile anche da parte nostra aiutare chi sta dall’altra parte. Siamo infatti molto più potenti di quello che pensiamo. L’amore trascende i confini dello spazio e del tempo. I nostri sforzi qui sulla Terra, possono avere un enorme impatto anche sulle persone che amiamo, sia nel mondo fisico che nell’altra dimensione.

In modo particolare, ci sono tre modi per aiutare i nostri cari che non ci sono più.

Affrontare delle Sfide
Uno dei modi per aiutare i nostri cari a guarire ed evolvere anche dall’altra parte è quello di avvicinarsi a persone che nel mondo fisico stiano affrontando lezioni di vita simili. Quando i nostri cari passano in rassegna la loro vita terrena, diventano consapevoli delle decisioni e delle azioni, intraprese mentre erano nel mondo fisico, che hanno ostacolato se non sabotato la crescita e l’evoluzione della loro anima. Solo quando sono lì si rendono conto di come possano avere limitato i loro talenti e la loro capacità di dare il meglio. Ecco dove entriamo in gioco noi. Osservando i nostri sforzi positivi nell’affrontare le nostre sfide quotidiane e le circostanze che si sono presentate, guardandoci mentre cerchiamo di guarire le nostre sfide emotive, di sviluppare i nostri talenti e le nostre competenze, vedendoci gentili con gli altri, i nostri cari possono imparare qualcosa di nuovo. Attraverso le nostre scelte quotidiane, le lotte e le azioni, chi è passato oltre può trovare ispirazione, incoraggiamento, aiuto e guarigione animica.

Perdonare
Lasciare andare il passato. Guarire le ferite e le ingiustizie di cui le persone che non ci sono più ci hanno resi involontariamente o inconsapevolmente vittime. Il perdono libera da pesanti catene di negatività. Quando ci diamo l’opportunità di amare qualcuno, nonostante le malefatte che ha commesso, dissolviamo la nostra connessione karmica con lui o con lei. Lasciando passare il flusso di guarigione amorevole e facendolo immergere nella nostra anima, ci liberiamo. I nostri cari, dall’altra parte, hanno bisogno del nostro perdono. Quando perdoniamo qualcuno che si trova dall’altra parte, l’energia delle sue azioni e dei suoi pensieri torna alla sorgente. La persona che perdoniamo è motivata a concentrarsi sulle sue azioni, sulle credenze e le scelte fatte mentre si trovava nel mondo fisico. Quindi, ciò che facciamo, lo facciamo per noi stessi. Il perdono verso gli altri automaticamente genere perdono verso noi stessi, l’energia dell’amore assoluto si amplifica e può letteralmente apportare dei miracoli nella nostra vita.

Vivere la vita al massimo
Abbracciamo la bontà della vita. La pratica della gratitudine genera energia positiva. Questo non apporterà soltanto felicità nella nostra vita, ma questo entusiasmo ispirerà e creerà un forte legame anche con chi non c’è più. Coloro che non hanno approfittato delle opportunità che si sono presentate nel mondo fisico, che hanno procrastinato o avevano un potenziale negativo, impareranno dal nostro coraggio e dalla positività. Una volta nel regno degli spiriti, i nostri cari si rendono conto di essere stati loro stessi a creare ciò che hanno sperimentato sulla terra, attraverso i loro atteggiamenti, i pensieri e le percezioni. Attraverso le nostre scelte positive, che portano felicità, impareranno a vedere il mondo fisico in un modo nuovo. Dall’altra parte ci sono solo gioia e amore e la nostra felicità non potrà che dissolvere la separazione con coloro che amiamo e che sono passati oltre. Chi se n’è andato potrebbe avere lasciato questa dimensione senza provare quanta gioia sia possibile sperimentare qui. Abbracciare la gioia ci solleva verso i regni superiori dell’amore, aldilà dei confini dello spazio e del tempo. Ci permette di dissolvere quel sottile velo che separa il regno materiale da quello spirituale e ci fa tornare ad essere una cosa sola.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali.

Vite Terrene, Vita nell'Aldilà
Messaggi per una nuova umanità dal mondo dell’invisibile

Aiutare i Bambini... a Superare Lutti e Perdite
Attività psicoeducative con il supporto di una favola

Uscire dal Lutto
Superare la propria tristezza e imparare di nuovo a vivere

Altre notizie