Generazione Naturopatia: GLI ENZIMI

enzymesChe il cibo sia fondamentale per il nostro benessere è oramai cosa risaputa.

La scelta dei cibi che mettiamo in tavola andrebbe fatta privilegiando sempre alimenti crudi o appena scottati, in particolar modo se parliamo di verdure. I vegetali contengono, oltre a una elevata quantità di acqua, un’ottima fibra alimentare, e una quantità rilevante di vitamine e sali minerali.

Le moderne tecniche di cottura prevedono che le verdure siano fatte bollire in acqua o, tutt’al più, fatte al vapore con la pentola pressione. E’ importante sapere che la cottura distrugge la maggior parte delle vitamine, specie delle vitamine termolabili: enzimi, ormoni, antiossidanti naturali, tutti elementi che sono alla base delle difese naturali dell’organismo. In particolar modo le vitamine B e C vengono subito perse, così come i minerali di cui si ha una perdita dal 20 al 70%.

Inoltre, più alta è la temperatura con cui si cuociono i cibi, maggiore è il danno. Il cibo crudo, al contrario, richiede una masticazione maggiore che assicura un’insalivazione appropriata che aiuta la predigestione del cibo.

Il francese Andrè Simoneton scoprì che le radiazioni emesse da un organismo sano si aggirano intorno a 6500 Angstrom. In condizioni di malattia o di cattiva alimentazione si scende sempre ad di sotto di tale soglia. Simoneton divise gli alimenti in tre categorie: alimenti morti (cibi cotti o conservati, margarina, pasticceria industriale, alcol, liquori, zucchero bianco e grezzo) che hanno radiazioni nulle o quasi nulle; alimenti inferiori (carne, salumi, uova non fresche, latte bollito, caffè, tè, cioccolato, marmellate, formaggi, pane bianco) che posseggono radiazioni inferiori a 5000 Angstrom; alimenti superiori: (frutta cruda e matura e verdura cruda e fresca): questi cibi hanno radiazioni molto elevate tra 8000 e 10000 Angstrom, quindi adatte ad apportare un aumento significativo di benessere al nostro organismo.

Iniziate quindi sempre pranzo e cena con introducendo un’adeguata quantità di cibo crudo. Consiglio in particolar modo di aumentare il consumo di germogli, che rappresentano il massimo in termini di vitamine e enzimi, e quindi di vitalità e energia per il nostro organismo.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di Raffaella De Dea per generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali.

Enzimi per Guarire - Guida Pratica
Come curare ansia, problemi digestivi, allergie, emicranie, dolori alla schiena, artriti e molti altri disturbi

Polyzyme Plus - Enzimi digestivi
Apparato gastrointestinale – Il gambo d’ananas coadiuva la fisiologica funzione digestiva

Raffaella De Dea

Raffaella De Dea

Raffaella De Dea è laureata in Lettere Moderne e parallelamente ha seguito un percorso in discipline olistiche. Ha conseguito il diploma di Naturopata – Heilpraktiker, ha ampliato le sue conoscenze seguendo corsi di Kinesiologia, MTC, Psych-K, Cristalloterapia e “Pensiero Positivo secondo Louise Hay“. Negli ultimi anni ha approfondito alcune tecniche legate all’informazione cellulare, come Cromopuntura e Nutripuntura.

Altre notizie