Fare troppe docce può nuocere alla salute della pelle

showerHai mai pensato a quei giorni in cui nelle case non vi erano né scaldabagno né impianto idraulico interno?

Era il periodo in cui i bagni frequenti non erano la norma. Per fare il bagno bisognava prendere l’acqua, riscaldarla sul fuoco e, infine, versarla nella bacinella. In genere, poi, quell’acqua veniva utilizzata da tutto il resto della famiglia per fare il bagno, il bucato e sbrigare le altre faccende di casa.

Non bisognerebbe sorprendersi nel sentire che c’è qualcuno che fa lo stesso anche nella nostra epoca, in molti paesi in via di sviluppo che ancora devono effettuare lo stesso procedimento per potersi fare un bagno.

Se nelle nostre case abbiamo lo scaldabagno lo si deve a Edwin Rudd, ingegnere norvegese che ebbe per primo l’idea nel 1889. A quel punto, con il passare del tempo, nelle case iniziarono a comparire anche le docce che erano però progettate a sistema chiuso; cioè l’acqua utilizzata per la doccia passava attraverso lo scarico per poi tornare al soffione per essere riutilizzata.

Nel 18° secolo fu introdotto anche l’impianto idraulico interno. Nel 1829, l’Hotel Tremont di Boston fu il primo albergo al mondo ad avere questo tipo di impianto, progettato dall’architetto Isaiah Rogers. Da allora, i bagni moderni con l’impianto idraulico interno divennero parte integrante delle famiglie a reddito medio.

Ripensare a tutto questo porta a comprendere come poter fare la doccia in un giorno qualunque sia un privilegio. Pensiamo a quei giorni difficili in cui tutto ciò di cui sentiamo il bisogno è una doccia calda. Del resto anche la scienza è concorde: ci sono diverse prove che confermano come la doccia o il bagno abbiano un effetto calmante e anti-stress. Una ricerca condotta in Giappone ha dimostrato un significativo calo degli ormoni dello stress, dopo un bagno.

Un problema però viene raramente sollevato: quando fare troppe docce può diventare un pericolo? Quando la pelle è a rischio? Quale dovrebbe essere la frequenza dei bagni e delle docce?

Molti sono convinti che fare più docce al giorno sia salutare, perché contribuisce all’igiene. Molti sono anche certi che serva una buona dose di sapone e di acqua bollente per tenere a bada i germi. Purtroppo, la scienza medica afferma il contrario. I saponi profumati non contribuiscono affatto a uccidere i batteri della pelle.

Lo strato più esterno della pelle, noto come strato corneo, è uno strato protettivo costituito dalle cellule morte. Queste cellule agiscono come una barriera per la pelle, proteggendo lo strato sottostante di cellule sane. Le cellule che si trovano sullo strato corneo, inoltre, sono tenute vicine con l’aiuto dei lipidi, che hanno il compito di mantenere l’umidità e quindi l’idratazione della pelle.

Quando si fa una doccia calda e si utilizzano dispositivi come sapone e scrubber o una spugna vegetale, questi strumenti minano l’integrità dello strato protettivo della pelle. Come accade? La miscela di acqua e sapone scioglie i lipidi. Lo sfregamento accelera il processo ed espone il delicato strato di cellule che si trovano al di sotto. Più si fa la doccia e più si priva la pelle degli oli naturali che essa produce. Ecco perché spesso, dopo la doccia, ci si ritrova con la pelle secca, screpolata e irritata.

Un altro fattore legato alla doccia frequente è l’uso dell’asciugamano. Anch’esso danneggia le cellule della pelle. L’opzione migliore è quella di lasciare asciugare la pelle naturalmente, oppure – se non si ha tempo di aspettare – tamponare con l’asciugamano anziché sfregare e scegliendo un esemplare di spugna morbida.

Ogni individuo possiede una tipologia diversa di pelle. Pertanto, per alcune persone la doccia quotidiana può risultare meno nociva che per altre. Tuttavia, saltare la doccia ogni tanto è meglio. Per il bagno è meglio usare acqua calda e saponi delicati. E non bisogna dimenticare di idratare la pelle dopo la doccia! Il trucco è quello di riuscire a mantenere il giusto equilibrio tra una pelle in salute e una pelle pulita.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali.

Acquista Online su SorgenteNatura.it