Generazione Naturopatia: LA CROMOPUNTURA

colorpunctureLa cromopuntura è una tecnica dolce, non invasiva, che permette un riequilibrio sia dal punto di vista somatico che psico-emozionale.

Nata intorno agli anni 70 dall’intuizione del naturopata tedesco Peter Mandel, questa meravigliosa metodica, a dispetto del nome, non utilizza aghi ma una speciale penna sulla quale vengono inseriti dei cristalli colorati che, posizionati in punti specifici del corpo, sono in grado di veicolare delle bio-informazioni che possono mettere in atto processi ordinativi di coordinazione a livello organico e psichico.

Già presso i popoli antichi come egizi, greci, romani, era nota la forza guaritrice della luce nel suo complesso. Banalmente, sappiamo che il sole influenza positivamente il nostro umore. La luce è un flusso continuo di fotoni che può avere energie diverse e il colore è semplicemente una manifestazione di frequenze diverse. Ogni colore ha una propria lunghezza d’onda (nm) e una propria frequenza di oscillazione (Hertz). L’occhio umano è capace di percepire la gamma di colori che va dall’infrarosso all’ultravioletto.

L’aspetto affascinante è che anche i nostri organi possiedono una frequenza di vibrazione che, in caso di disequilibrio, sarà più bassa rispetto alla frequenza con cui dovrebbero vibrare in una situazione di benessere. La cromopuntura permette, attraverso l’applicazione di uno stimolo cromatico sui punti energetici dell’agopuntura, di inviare una informazione di regolazione e riequilibrio laddove vi siano le cause dei disturbi. I punti noti all’agopuntura (agopunti) coincidono con le zone di maggior ricezione della luce sulla pelle. Ad essi inoltre, Peter Mandel ne ha aggiunti altri, scoprendo nuove zone sulla fronte o sul cranio.

Durante una seduta si lavora con la cromopuntura con i 3 colori fondamentali che mescolati tra loro danno i colori complementari. Proprio l’utilizzo di colori caldi e freddi complementari provvede al riequilibrio degli eccessi o colma i deficit di energie yin e yang. Mandel aggiunge in questa scala cromatica il turchese, che lui chiama ascensore dell’anima in quanto agisce molto profondamente. Questi 7 colori sono definiti dello spettro e lavorano soprattutto sul piano fisico. Ha poi l’idea di utilizzare altre frequenze cromatiche, che sono i 4 colori anima e spirito, che hanno un’azione più sull’inconscio e che sono porpora, verde luce, turchese e rosa.

Questa bellissima metodica è adatta a tutti. Come naturopata la utilizzo molto anche su bambini e anziani, per la grande sensazione di benessere che procura e per il fatto di non essere assolutamente invasiva.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di Raffaella De Dea per generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali.

Raffaella De Dea

Raffaella De Dea

Raffaella De Dea è laureata in Lettere Moderne e parallelamente ha seguito un percorso in discipline olistiche. Ha conseguito il diploma di Naturopata – Heilpraktiker, ha ampliato le sue conoscenze seguendo corsi di Kinesiologia, MTC, Psych-K, Cristalloterapia e “Pensiero Positivo secondo Louise Hay“. Negli ultimi anni ha approfondito alcune tecniche legate all’informazione cellulare, come Cromopuntura e Nutripuntura.

Altre notizie