Le curiose analogie tra i 7 chakra e la preghiera del “Padre Nostro”

Il “Padre Nostro” è una preghiera molto venerata da cattolici e cristiani, poiché fu donata a Gesù da Dio stesso, affinché la insegnasse ai suoi discepoli. A questo proposito, esiste una teoria interessante, che trova una correlazione curiosa tra questa preghiera e i 7 chakra.

Prima di tutto, analizziamo il sistema dei chakra. I 7 chakra partono dalla parte superiore della testa e si fanno strada fino alla base della colonna vertebrale.

  1. Corona
    Colore associato: viola
    Nome in Sanscrito: Sahasrara
    Localizzazione: nella parte superiore della testa
    Significato: conoscenza – diritto di aspirare a qualcosa. Dedizione alla consapevolezza divina e fiducia nell’Universo. Imparare a conoscere la propria spiritualità. Connessione con il concetto di “Dio” o di intelligenza superiore. Integrazione della propria coscienza e subconscio individuale nella supercoscienza.
    Squilibri: emicrania, fotosensibilità, disturbi mentali. Nevralgia, senilità, disordini della lateralità e problemi di coordinazione. Epilessia, vene varicose e problemi ai vasi sanguigni. Eruzioni cutanee.
    Stimolanti della Corona: concentrarsi sui sogni, scrivere le proprie visioni e invenzioni. Cibo e bevande viola. Pietre e abbigliamento viola. Utilizzare oli essenziali come lavanda e gelsomino.
  2. Terzo Occhio
    Colore associato: turchese
    Nome in Sanscrito: Anja
    Localizzazione: sulla fronte, in mezzo agli occhi
    Significato: intuizione – diritto a “vedere”. Fiducia nella propria intuizione. Sviluppo delle proprie capacità psichiche. Realizzazione del Sé. Rilascio di pensieri negativi, nascosti e repressi.
    Squilibri: difficoltà di apprendimento, problemi nel coordinamento, disturbi del sonno. Depressione, disturbi alla tiroide, ghiandole ingrossate. Febbre e influenza. Infezioni, problemi a bocca e mascella, lungua, collo e spalle. Iperattività. Disturbi premestruali e ormonali in genere, sbalzi di umore, gonfiore, menopausa.
    Stimolanti del Terzo Occhio: osservazione delle stelle, cibo e bevande color turchese. Pietre e abiti turchese. Utilizzo di oli essenziali turchese, come patchouli o frankincense.
  3. Gola
    Colore associato: blu
    Nome in Sanscrito: Vishudda
    Localizzazione: regione della gola
    Significato: relazioni – diritto di parola. Imparare ad esprimere se stessi e ad avere fiducia. Lealtà, organizzazione e pianificazione.
    Squilibri: disturbi della tiroide, ghiandole ingrossate. Febbre e influenza. Infezioni, problemi alla bocca e alla mascella. Iperattività.
    Stimolanti della Gola: canto (sotto la doccia), poesia, collezionismo. Conversazioni profonde. Cibo e bevande di colore blu. Pietre e vestiti blu. Utilizzare oli essenziali come camomilla o geranio.
  4. Cuore
    Colore associato: verde
    Nome in Sanscrito: Anahata
    Localizzazione: centro del torace
    Significato: relazioni – diritto di amare. Amore, perdono, compassione. Capacità di avere auto-controllo. Accettazione di se stessi.
    Squilibri: cuore e disturbi respiratori. Cancro al Seno, dolore al petto. Ipertensione. Passività. Problemi al sistema immunitario, tensione muscolare.
    Stimolanti del Cuore: passeggiate nella natura, tempo trascorso in famiglia o con gli amici. Cibi e bevande verdi. Pietre e abiti di colore verde. Utilizzare oli essenziali come eucalipto o pino.
  5. Plesso Solare
    Colore associato: giallo
    Nome in Sanscrito: Manipura
    Localizzazione: sopra l’ombelico, nella zona dello stomaco
    Significato: potenza – diritto di Pensare. Equilibrio dell’intelletto, fiducia in se stessi e potere dell’ego. Capacità di auto-controllo e umorismo.
    Squilibri: problemi digestivi, ulcera, diabete, ipoglicemia, costipazione. Nervosismo, tossicità, parassiti, colite, scarsa memoria.
    Stimolanti del Plesso Solare: prendere lezione, leggere libri informativi, fare puzzle mentali. Luce solare. Programmi di disintossicazione. Cibi e bevande gialli. Pietre e capi d’abbigliamento gialli. Utilizzare oli essenziali gialli, come limone o rosmarino.
  6. Sacro
    Colore associato: arancione
    Nome in Sanscrito: Svadisthana
    Localizzazione: sotto l’ombelico, nel basso addome
    Significato: sentimenti – diritto di Percepire. Collegato alla nostra capacita sensitive e alle questioni relative ai sentimenti. Capacità di socializzare e problemi intimi.
    Squilibri: disordini alimentari. Alcol, droga. Depressione. Dolore lombare. Asma e allergie, Infezione da Candida e lieviti. Problemi urinari. Problemi intimi come impotenze e frigidità.
    Stimolanti del Sacro: bagni aromatici caldi, acqua gym, massaggi. Cibo e bevande arancioni. Pietre e abiti arancioni. Utilizzare oli essenziali come melissa o arancio
  7. Radice
    Colore associato: rosso
    Nome in Sanscrito: Muladhara
    Localizzazione: base della colonna vertebrale, coccige
    Significato: sopravvivenza del diritto di esistere. Ha a che vedere con le attività legate al mondo materiale e fisico. Capacità di cavarsela da soli e problemi di sicurezza.
    Squilibri: anemia, affaticamento, mal di schiena, sciatica, depressione. Raffreddori frequenti, mani e piedi freddi.
    Stimolanti della Radice: esercizio fisico, sonno ristoratore, giardinaggio, ceramica e argilla. Cibo e bevande rosse. Pietre e vestiti rossi. Utilizzare oli essenziali come ylang ylang o legno di sandalo

Ed ecco il Padre Nostro, nella versione in uso presso la Chiesa Evangelica Valdese:

Padre Nostro che sei nei cieli
Sia santificato il tuo nome
Venga il tuo Regno, sia fatta la tua volontà,
come in Cielo, così in Terra
Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
Rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori
Non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male
Tuo è il Regno, la Potenza e la Gloria nei secoli dei secoli,
Amen

Se facciamo un raffronto tra i il sistema dei chakra e la preghiera, le connessioni e le coincidenze sono affascinanti. Anche se non c’è nulla di dimostrato, fa riflettere. Questa è solo un’interpretazione. Il consiglio è quello di mantenere la mente aperta, magari per percepire la propria personale interpretazione.

crown

Padre Nostro che sei nei cieli – Chakra della Corona
Stabilire una connessione con ciò che sta sopra di noi. Come sopra, così sotto. La connessione con il nostro concetto di Dio o di un’Intelligenza superiore. Integrare la propria coscienza e subconscio nella supercoscienza.

thirdeye

Sia santificato il tuo nome – Terzo Occhio
Sia santificato il nome, perché la vista attraverso il terzo occhio ci permette di connetterci ad uno spazio sacro, la Terra consacrata della divinità.

throat

Venga il tuo Regno, sia fatta la tua volontà – Gola
Basti pensare alla definizione di Abracadabra, che sta essenzialmente per “quando parlo, creo”. Essere consapevoli del chakra della gola, in combinazione con la volontà delle proprie parole è l’idea principale espressa in questo passaggio.

heart

Come in Cielo, così in Terra – Cuore
In molte culture antiche, la nozione congruente del Cuore Sacro non è disgiunta dall’idea cristiana. Gesù aveva un cuore completamente risvegliato, il suo “spazio sacro” era stato completamente attivato. Ciò che crea confusione è che il suo cuore era IL cuore sacro, ma la verità celeste è che tutti noi possiamo risvegliare la scintilla divina dentro di noi. Questa è gnosi: connettere il basso, il sopra e il dentro. Si può portare il Paradiso in Terra, vivendo attraverso la purezza del nostro cuore.

plexus

Dacci oggi il nostro pane quotidiano e rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori – Plesso Solare
Il plesso solare, come il terzo occhio, è un centro dell’intuizione, stavolta quello del conflitto basato sull’ego. Il potere personale è il diritto di pensare, Equilibrio, intelligenza, fiducia in sé stessi e potere dell’ego. Possibilità di avere autocontrollo e umorismo. Il pane quotidiano si può vedere come il nutrimento spirituale dalla fonte, che ci tiene in linea con il nostro essere eterico, in contrasto con la natura egoista della Terra che può portarci fuori strada. Il perdono degli altri è il cibo degli dei.

spleen

E non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male – Sacro
Tentazioni basate sul vizio possono essere causate da uno squilibrio dei sentimenti. Quando la nostra connessione con i nostri sentimenti sociali e intimi è fuori strada, questo può spingerci a perdere la direzione, spingendoci verso qualcosa di negativo. Collegarsi a questo chakra, e a questa parte della preghiera, ci fa ricordare che dobbiamo onorare i nostri sentimenti ed essere gentili con noi stessi. Quando si presenta un cattivo sentimento, bisogna identificarlo, non annegare nel dolore o mascherarlo con una delle 7 tentazioni del peccato (che sono l’antitesi dei chakra).

root

Tuo è il Regno, tuo il Potere e la Gloria, nei Secoli dei Secoli, Amen – Chakra della Radice
“Tuo è il Regno” si può osservare dal punto di vista metaforico che non vi è una separazione tra Dio e il nostro vestito di carne corporea guidato dal nostro spirito in questo piano umano dell’esistenza. Conoscere se stessi corrisponde a conoscere Dio. Tutti siamo stati creati per essere creativi, che è il nostro ultimo atto di divinità. La capacità di creazione è infinita (nei secoli dei secoli) e ci ricorda che lo scopo del nostro cammino e l’Unità.

Fonte

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo in lingua italiana a cura di generazionebio.com. E’ possibile riprodurlo non a scopi commerciali e integralmente solo citando la fonte e con un link cliccabile che punti all’articolo originale in italiano.


Altre notizie