UK: IN SERVIZIO IL PRIMO AUTOBUS ALIMENTATO A ESCREMENTI

bio-bus-1Entrerà in servizio questo mese il primo autobus britannico alimentato da rifiuti umani ed alimentari.

Il Bio-Bus utilizzerà gli scarti recuperati da circa 32,000 famiglie che gli consentiranno di percorrere un tragitto di 15 miglia. Gestito dalla ditta First West of England, il bus farà rifornimento presso un sito che ha sede ad Avonmouth a Bristol, dove i liquami e i rifiuti alimentati vengono trasformati in gas bio-metano. Con un pieno, ricavato dai rifiuti annui di circa cinque persone, sarà possibile effettuare fino a 186 miglia.

L’autobus, che potrà ospitare fino a 40 persone, è già stato presentato lo scorso autunno ed entrerà in servizio regolare per quattro giorni a settimana a partire dal 25 marzo.

Se la cosa avrà un riscontro di successo, si valuterà l’idea di introdurre più autobus con le stesse caratteristiche. Sin dalla sua presentazione, il Bio-Bus ha richiamato l’attenzione di tutto il mondo e sarà un enorme privilegio per Bristol averlo in servizio.

In effetti la sua comparsa è avvenuta già sulla tratta Bath-Bristol Aeroporto alla fine dello scorso anno, ma è stato usato solo una volta in centro città.

Gli ingegneri che lo hanno progettato sostengono che questo rappresenterà il futuro sostenibile dei trasporti pubblici, con una notevole miglioramento della qualità dell’aria urbana.

Questo nuovo servizio mostra chiaramente come gli escrementi umani e il cibo di scarto rappresentino a tutti gli effetti delle risorse molto preziose per la salvaguardia del nostro pianeta, oltre che per il risparmio energetico.

bio-bus

Photo by Ben Birchall/PA from The Guardian

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali.

Altre notizie