PERCHE’ I NOSTRI ANTENATI ERANO PIU’ SANI DI NOI?

antenatiMolte persone sono convinte che la nostra salute sia migliore rispetto a quella dei nostri antenati. Se per certi aspetti questo può essere vero, quando si parla della salute e del benessere dei nostri nonni è necessario fare una valutazione più profonda. La loro aspettative generale di vita era sicuramente più breve della nostra, ma non si ammalavano spesso come noi e non soffrivano della moltitudine di malattie che invece sono così diffuse oggi. Questa riflessione può permetterci di imparare qualcosa dai nostri antenati al fine di migliorare la nostra salute.

1. Mangiavano cibo più sano
La dieta dei nostri nonni consisteva in cibo fresco proveniente dalla fattoria. Gli animali erano nutriti in modo sano e non venivano loro somministrati tutti gli antibiotici usati oggi per renderne più veloce la crescita. I nostri antenati non avevano a disposizione tutto il cibo di provenienza industriale, confezionato, gonfiato di sodio e di glucosio e privo di elementi nutritivi. Oggi ci siamo davvero allontanati dalla dieta sana dei nostri bisnonni e la maggior parte del cibo che consumiamo è in scatola. Questi alimenti vengono associati alle malattie cardiache, al diabete, al cancro e all’obesità. I nostri antenati non avevano nemmeno la possibilità di andare a mangiare fuori e il loro cibo non veniva trattato con additivi, antibiotici e ormoni. Mangiavano cibo locale, fresco e di stagione, in grado di fornire loro i nutrienti di cui il corpo necessita per funzionare al meglio. I piatti venivano preparati in casa secondo metodi tradizionali. La nutrizione influenza ogni cellula del nostro corpo. Il funzionamento delle cellule dipende dalla dieta e dallo stile di vita. Dalle cellule si producono i tessuti, dai tessuti gli organi, che a loro volta costituiscono i sistemi di organi. Se l’alimentazione è inadeguata, l’integrità delle cellule, dei tessuti e degli organi ne risente.

2. Usavano medicamenti naturali
I nostri bisnonni ricorrevano alle erbe per curare i loro disturbi, prima che le aziende farmaceutiche iniziassero a collezionare miliardi sulla nostra pelle. In natura esistono molte piante e molte erbe che crescono liberamente in natura e che sono in grado di trattare i problemi più comuni. Dal raffreddore al mal di testa, piante e foglie aiutano da sempre l’umanità ad alleviare e guarire i problemi. Solo di recente le aziende farmaceutiche hanno iniziato a capitalizzare sulla malattia e a costruire un business basato anche sui più piccoli disturbi.

3. Passavano più tempo all’aperto
I nostri antenati trascorrevano molto più tempo all’aperto sia per lavorare che per produrre il cibo da mangiare. Durante le ore trascorse fuori praticavano agricoltura, giardinaggio, caccia, ecc. Per questa stessa ragione, facevano una vita meno sedentaria e si esponevano maggiormente alla luce naturale del sole, favorendo la produzione naturale di vitamina D. Per tutti questi motivi, i nostri antenati si ammalavano meno di noi: passare del tempo all’aria aperta permette di eliminare lo stress in modo naturale e la vitamina D migliora l’umore e rinforza il sistema immunitario.

4. Minore stress
I nostri antenati avevano uno stile di vita più semplice di quella che conduciamo oggi. Non erano sottoposti a tutta la pressione sociale attuale. Lavoravano sodo, dormivano bene e in generale seguivano una quotidianità priva di distrazioni. Non conoscevano alcuna dieta dove si calcolano le calorie: consumavano il cibo che avevano a disposizione, seguendo le esigenze del corpo. Per questo motivo, il loro metabolismo funzionava meglio del nostro. Non avevano nemmeno tutte le distrazioni elettroniche di oggi. Se da un lato tutti i gadget che abbiamo noi sembrano renderci la vita più semplice, in verità possono creare un forte disordine mentale. Siamo più stressati e ci vengono inviate continue stimolazioni che hanno un impatto negativo sulla salute e sul benessere generale, sia dal punto di vista fisico che emotivo.

5. Minore esposizione alle tossine
Le tossine sono ovunque e possono essere prodotte dai nostri corpi, possono essere naturali o artificiali. Decenni fa i nostri antenati non erano esposti alle quantità di tossine artificiali di oggi. Ogni settimana vengono inventate e registrate 6000 nuove sostanze chimiche, che si aggiungono alle oltre 300.000 prodotte ogni anno. Queste sostanze, se inalate, ingerite o se vengono a contatto con la pelle, sono pericolose. L’esposizione ripetuta, poi, può portare a squilibrio ormonale, all’indebolimento del sistema immunitario e a vari altri problemi di salute correlati. Queste tossine si trovano nei detergenti per la casa, per la pulizia personale, nel cibo, nell’acqua e nell’aria. Quando le tossine si accumulano nel nostro corpo, il fegato viene sottoposto a lavoro extra, allo scopo di disintossicare il nostro sistema. La cosa ho ovviamente un impatto negativo sulla funzione immunitaria.

*foto da flickr.com

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali.

Acquista Online su SorgenteNatura.it

Altre notizie