IL POLLO DEL FAST FOOD E’ DAVVERO POLLO?

chicken-fastfoodLe crocchette di pollo sono piuttosto semplici da preparare.

Si immergono i pezzi di pollo in un mix composto da uova e latte, si passano in un altro di mix di farina e spezie e si cucinano in olio caldo, fino a quando non si formerà una crosticina dorata, croccante e deliziosa.

Un attimo! Non dimentichiamoci di aggiungere un pizzico di dimetilpolisilossano, un agente anti-schiuma prodotto dal silicone, usato anche nei cosmetici.

Poi occorre aggiungere un cucchiaio colmo di butilidrochinone terziario (TBHQ), un conservante chimico derivato dal butano. Un grammo di TBHQ può causare nausea, vomito, ronzio alle orecchie, delirio, senso di soffocamento e collasso secondo il Dizionario degli Additivi Alimentari per il consumatore. Cinque grammi possono uccidere.

Le crocchette vanno poi passate in un mix di altri 13 ingredienti derivati dal mais.

Uno scherzo? No. Nella realtà di ogni giorno nessuno cucinerebbe il pollo in questa maniera. Eppure, quotidianamente migliaia di persone consumano questi ingredienti al fast food mangiando prodotti che, secondo le indicazioni, sarebbero a base di carne bianca avvolti in una pastella croccante.

Tuttavia, il pollo rappresenta solo il 50% di una crocchetta acquistata e consumata al fast food. Il rimanente 50% comprende una grande percentuale di derivati di mais, zuccheri, agenti lievitanti e altri ingredienti completamente sintetici, cioè che non provengono da origini naturali ma da un impianto di petrolio. Passata la fame?

La cosa più spaventosa è che questa ricetta viene definita come sana e viene consumata in quantità dai bambini che trovano le crocchette divertenti per le loro forme e dimensioni. Purtroppo la manipolazione pubblicitaria ci ha convinto che dopo una giornata lavorativa, quando il tempo è poco, non esista soluzione migliore di un pasto del genere per tutta la famiglia. Veloce e poco dispendioso. Risparmia la fatica di cucinare, di trovare un’idea deliziosa e poco impegnativa e l’insegna del fast food appare improvvisamente come la stella cometa. In cinque minuti si ha di fronte un pasto economico ed abbondante. Non è altro che un inganno: il vero costo del fast food non lo paga il portafoglio, ma l’organismo e la salute.

Interrompere questa malsana abitudine è possibile: occorre anzitutto conoscere gli ingredienti dei prodotti che si acquistano al fast food, poi pianificare i pasti in anticipo verrà naturale. Basterà uno sguardo alla lista che segue per convincersi che il fast food è disgustoso e dannoso.

Ingredienti Chicken McNuggets: pollo disossato, acqua, amido modificato, sale, estratto di lievito, amido di frumento, aromi naturali, olio di cartamo, destrosio, acido citrico, rosmarino, fosfato di sodio, olio di colza, estratti di rosmarino. Impanatura: acqua, farina di grano sbiancata, niacina, ferro ridotto, tiamina mononitrato, riboflavina, acido folico, farina di mais, amido modificato, sale, bicarbonato di sodio, pirofosfato acido di sodio, alluminio, sodio fosfato, fosfato monocalcico, lattato di calio, spezie, amido di frumento, siero di latte, amido di mais. Frittura: olio di canola, olio di mais, olio di soia, olio di soia idrogenato con acido citrico e TBHQ, dimetilpolisilossano.

Ingredienti crocchette di pollo fatte in casa: pollo, uova, latte, farina, olio vegetale, sale e pepe.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Photo chargegrillkiller

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali.

 

Altre notizie