ADDIO INSONNIA: I SEGRETI DI UNA BUONANOTTE

sleep-nightRecenti sondaggi della National Sleep Foundation mostrano che la maggior parte degli americani dormono in media meno di 7 ore nei giorni feriali e 7 ore e mezzo il fine settimana. In Italia una persona su cinque accusa disturbi del sonno e non fa nulla per rimediare.

Si tratta di una vera e propria epidemia nascosta, che deteriora la salute fisica e mentale della società moderna.

Alcuni studi hanno rivelato che la qualità del sonno, indipendentemente dalla quantità, è il fattore determinante per ottenere il riposo necessario per ricaricarsi a sufficienza.

Al Miami Beach Mt. Sinai Hospital uno studio ha misurato le onde cerebrali di alcuni soggetti durante il sonno e ha concluso che sono necessari cinque cicli per notte, affinché si possa beneficiare di un riposo effettivo.

Il primo ciclo è quello in cui le normali onde Beta vengono sostituite dalla onde Theta, offrendo un sonno leggero ma rilassante. Il secondo ciclo è più lungo e costituito da un sonno più profondo. Entrambi questi cicli comportano un livello di sonno che può essere però facilmente disturbato.

La terza fase presenta un sonno profondo, con le onde Delta inferiori al 50%. Questo porta alla quarta fase, con un ulteriore aumento di onde Delta. Sia il terzo che il quarto sono cicli del sonno in cui hanno luogo i processi rigenerativi e immunitari.

Qualsiasi interruzione comporta immediatamente un ritorno al primo ciclo, una delle ragioni per cui la maggior parte delle persone non è in grado di entrare nel terzo e nel quarto ciclo di sonno.

Il quinto ciclo REM è la fase in cui si sogna. Il sogno è fondamentale, perché agisce come valvola di sfogo per metabolizzare eventi capitati durante la giornata.

Se non si entra nel terzo e quarto ciclo, si possono accusare effetti di annebbiamento e stordimento, ansia e irritabilità, specialmente al risveglio. Molto peggio, il sistema immunitario si indebolisce gradualmente. Nell’ambiente già tossico in cui viviamo è un rischio che non possiamo permetterci.

Ci sono molti accorgimenti da seguire per raggiungere una qualità migliore del sonno. In primo luogo, cercare di eliminare o minimizzare i campi elettromagnetici dalla stanza da letto. Questo potrebbe richiedere la rimozione di orologi e radio dal comodino e di modem o router Wifi. Un’idea può anche essere quella di staccare la spina o l’interruttore principale, ogni notte. Sembra drastico, ma la realtà è che siamo circondati da cavi elettrici che producono frequenze elettromagnetiche, che creano effetti invisibili sul cervello.

Inoltre, la camera da letto dovrebbe avere una temperatura non superiore a 21°C. Un altro trucco è quello di rendere la stanza più buia possibile, o di usare una mascherina per gli occhi. Ciò incoraggia la produzione di melatonina, l’ormone che induce il sonno. E’ bene ricordare che stimolare la mente fino a tarda notte davanti al pc o alla tv inibisce i cicli del sonno.

E’ sconsigliabile bere liquidi di qualsiasi genere prima di dormire. Questo può evitare risvegli notturni per andare alla toilette. Naturalmente la caffeina è bene evitarla alcune ore prima di coricarsi.

Purtroppo molte persone non comprendono l’importanza di un sonno di qualità e aspettano invano che il disturbo si risolva, peggiorando purtroppo lo stato di salute e infliggendosi una sorta di tortura che può portare a conseguenze gravi, a lungo termine. Oppure, chi decide di risolvere il problema, spesso lo fa in modo drastico e non adeguato, ricorrendo a farmaci che inducono uno stato di sonno assolutamente differente da quello naturale richiesto dall’organismo per rigenerarsi; questo non porta quindi a una reale soluzione del disturbo, ma solo a un suo occultamento.

Nello mese di febbraio 2011 il ricercatore indipendente Homer Nazaren ha presentato, nel corso della 22a edizione della International Conference on Electronics Communications and Computers, uno studio sul patch Silent Nights di LifeWave a un gruppo di scienziati. Il sommario dello studio è disponibile sul sito di IEEEXplore.

I dati dello studio sono stati raccolti attraverso un Actigraph, un dispositivo approvato dalla FDA per gli studi sul sonno e un Electro Interstitial Scanning, un dispositivo approvato dalla UE. Questi strumenti sono stati utilizzati per verificare il miglioramento della qualità del sonno e della salute con l’applicazione dei dispositivi Silent Nights, in base ai cambiamenti riscontrati nel funzionamento degli organi.

Alcuni risultati ottenuti in base alle analisi con Actigraph hanno mostrato in media:

  • una riduzione del 29% del livello di attività durante il sonno
  • una riduzione del 22% del tempo totale di veglia
  • un aumento del 28% del rapporto di tempo trascorso a letto rispetto a quello di veglia
  • una riduzione del 28% dell’irrequietezza

Inoltre, le analisi statistiche dei dati rilevati con l’EIS hanno mostrato al termine del periodo di studio miglioramenti significativi dello stato funzionale e fisiologico del cervello, dei ventricoli cardiaci, delle ghiandole surrenali e della tiroide.

I risultati completi dello studio sono disponibili qui.

Silent Nights si applica come un tradizionale cerotto sui punti noti da migliaia di anni in agopuntura per agevolare il sonno ed è un potente acceleratore di onde Delta. Questo significa che, in maniera totalmente naturale, si è in grado di raggiungere più facilmente il quarto ciclo del sonno e, di conseguenza, la fase REM. Silent Nights stimola inoltre la produzione naturale di melatonina. Il dispositivo interagisce con l’organismo a livello energetico, per questa ragione non si verificano effetti indesiderati né è possibile che subentri una dipendenza verso il prodotto. Silent Nights, migliorando la qualità del sonno, permette una rigenerazione notturna che ha come effetto benefico un miglioramento della vita quotidiana. Permette di svegliarsi al mattino rigenerati, in forma e pronti ad affrontare al meglio e con l’umore giusto la giornata!

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali.

Altre notizie