Un bambino nasce il giorno in cui entra nei pensieri della mamma

Secondo la tradizione degli Himba, popolo che vive in Namibia, la data di nascita di un bambino non viene fissata nel giorno in cui viene al mondo e vede la luce, nemmeno nel giorno del suo concepimento. La data risale a molto prima: al giorno in cui il bambino viene pensato nella mente della madre.

Quando una donna decide che sta per avere un figlio, si sistema sotto un albero a riposare e ascolta fino a quando non sente il canto del bambino che sta per arrivare.

Solo dopo avere sentito la canzone dei questo bimbo la donna ritorna dall’uomo che sarà il padre del bambino, per insegnargli questa canzone.

Quando faranno l’amore per concepire il figlio fisicamente, allo scopo di invitarlo a prendere forma nel grembo della donna, cantano insieme questa canzone.

La medesima canzone viene poi insegnata, durante la gravidanza, alle ostetriche e alle donne anziane del villaggio.

Al momento del parto, queste donne e tutte persone intorno cantando la canzone del bambino, allo scopo di accoglierlo.

Un canto che accompagna l’individuo per tutta la vita

Durante la sua crescita, tutti gli abitanti del villaggio imparano questa canzone. In questa maniera, se gli capiterà di cadere o di farsi male, ci sarà sempre qualcuno pronto ad aiutarlo e a cantargliela.

Anche quando il bambino supererà con successo i riti di passaggio gli abitanti del villaggio intoneranno questa canzone, al fine di onorarlo.

Un’altra occasione in cui accade ciò è quando in un qualsiasi momento della sua vita questo bambino diventato uomo dovesse compiere dei crimini o degli atti sociali aberranti. In quel caso, egli viene chiamato al centro del villaggio, gli abitanti formano un cerchio intorno a lui e cantano la sua canzone per contribuire a correggere il comportamento facendogli ricordare chi è. Niente punizione, quindi, ma amore. Riconoscere la propria canzone aiuta a ritornare al proprio centro e qualsiasi volontà di fare danno a terzi viene meno.

La canzone personale accompagna poi tutti i momenti della vita, compreso il matrimonio.

Infine, quando il bambino sarà vecchio e giacerà malato nel suo letto, pronto ad abbandonare questa dimensione, gli abitanti si riuniscono per cantargli la sua canzone per l’ultima volta.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali.

Acquista Online su SorgenteNatura.it