Il metodo dei 12 nodi di Emile Coué per guarire grazie all’immaginazione

Emile Coué è un celebre farmacista e psicologo francese che fu tra i primi a parlare della teoria dell’autosuggestione.

Secondo Coué, l’immaginazione e i pensieri di un individuo possono influenzare in maniera sostanziale il suo benessere e la sua guarigione.

Partendo dal presupposto che il potere dell’immaginazione fosse miracoloso per il corpo umano, Coué riteneva che lo stato di salute di un individuo dipendesse direttamente dalla direzione positiva o negativa dei suoi pensieri. Motivo per cui è opportuno trarre sempre ispirazione da pensieri positivi.

Alla base del suo metodo vi è l’autoipnosi, un approccio di riequilibrio eccellente e sicuro per varie condizioni di salute. Coué aveva infatti osservato, grazie al suo lavoro come farmacista, come i pazienti convinti dell’efficacia di un farmaco fossero in grado di guarire più velocemente degli altri e senza alcuna complicazione. Questo tipo di fiducia stimola infatti l’organismo a reagire in modo adeguato alla terapia, riprendendosi più rapidamente da una lesione o da un intervento chirurgico.

Se si diventa quindi abili a domare il flusso dei propri pensieri, trasformandolo in un’onda positiva, si possono evitare molte conseguenze nefaste.

Da qui nasce il metodo dei 12 nodi: un trattamento unico che ricorre, appunto, all’autosuggestione, aiutando l’individuo a sostituire i pensieri negativi con altrettanti pensieri costruttivi. In questo modo si previene quel meccanismo per cui le brutte aspettative restano bloccate nella memoria e nel subconscio, andando così a controllare l’organismo e minandolo dall’interno.

Come funziona il metodo dei 12 nodi

Quando si inizia a praticare questa tecnica, occorre occorre sintonizzarsi sulla forza del proprio corpo, supportandolo con pensieri positivi.

Sono state sviluppate delle formule semplici e comprensibili, per fare questo. Però funziona meglio quando ognuno sviluppo le sue personali, fatte di combinazioni di parole utili e associate alla condizione che si sta vivendo. Più le frasi sono semplici, migliore sarà il risultato. Il subconscio preferisce infatti delle formule verbali poco complesse.

Un semplice mantra costituito da 5 o 6 frasi è l’ideale per cominciare.

  1. ripetere il mantra ogni sera prima di coricarsi e ogni mattina prima di alzarsi, rimanendo seduti sul letto a occhi chiusi
  2. pronunciare le frasi a voce alta, con tono calmo e sicuro
  3. meglio pronunciare tutto in maniera monotona, senza evidenziare parti del testo specifiche
  4. ripetere il mantra 12 volte

Per non distrarsi, Coué consiglia di prendere un filo spesso di lana e di fare 12 nodi percettibili al tatto. In questa maniera, si potranno toccare con le dita delle mani mentre si recita il mantra. Oltre a impedire ogni distrazione, il movimento stesso delle dita sul filo stimola il cervello in maniera benefica.

Le frasi da combinare possono essere diverse e il testo dovrebbe essere in forma positiva.

mi riprendo facilmente e rapidamente

perdo peso in modo sano

smetto di fumare

sono in ottima salute

il dolore svanisce

Ciò che conta è che questa formuli non arrechi alcun disagio quando viene recitata.

Questo esercizio ripetuto con costanza aiuta a sostituire la forma pensiero distruttiva con una molto più positiva, in grado di influenzare di conseguenza anche il benessere fisico ed emotivo.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali.

Acquista Online su SorgenteNatura.it