E’ possibile invertire il tempo ricorrendo all’uso di un computer quantistico?

clessidra su orologio che segnano il tempoL’universo tende al caos. Come un vetro che si frantuma in mille pezzi o una singola onda che si infrange a riva, il disordine nell’universo può muoversi in una sola direzione, sempre più caotica e disordinata. Alcuni scienziati sono però convinti che si possa tornare indietro nel tempo e rimettere ordine in mezzo al caos.

La tendenza dell’universo verso il disordine è una legge fondamentale, sancita dal secondo principio della termodinamica, che dimostra come qualsiasi sistema possa solo spostarsi da uno stato più ordinato a uno più caotico e che la sua entropia (caos) non può mai diminuire.

Eppure, un team internazionale di scienziati guidato dai ricercatori del MIPT, Istituto di Fisica e Tecnologia di Mosca dichiara di avere trovato una via d’uscita.

Per condurre il loro esperimento, gli scienziati hanno usato un semplice programma per computer quantistico IBM che utilizza 2 qubit. A differenza dei normali bit, i qubit possono assumere una forma chiamata sovrapposizione, dove contemporaneamente valgono 1 o 0. In questo modo, seguono le leggi della meccanica quantistica, meno nette rispetto al mondo puramente fisico dove vivono gli esseri umani.

Gli scienziati hanno programmato il computer in modo che entrambi i qubit avessero valore 0. Secondo le leggi quantistiche, il semplice trascorrere del tempo manderà il computer fuori da questo ordine, portando i qubit ad essere casualmente 1, 0 o entrambi. Ma si può anche fare in modo che questo accada eseguendo un programma specifico a 2 qubit.

Perciò è stata fatta una programmazione diversa, che indicasse al computer come “andare indietro”. Fatto questo, il team di ricercatori ha riprodotto nuovamente il primo programma, riuscendo a ripristinare lo stato 0-0 iniziale almeno nell’85% dei tentativi.

I risultati dettagliati dell’esperimento sono stati pubblicati su Scientific Report.

La parte più complessa è risultata quella dove si deve dire al computer di andare indietro, facendo scorrere il tempo a ritroso. Questo studio è stato condotto isolando un singolo elettrone e calcolando quanto tempo sia necessario alle perturbazioni casuali nell’universo per causare un simile effetto.

Per il momento, nella realtà fisica se lasciamo cadere un bicchiere, questo arriverà a terra e si frantumerà in mille pezzi, perché il sistema tende sempre verso il disordine.

Forzando però l’ordine ad avere la meglio sul disordine, ricorrendo ad un programma e a un computer quantistico, c’è la possibilità di aggirare questa legge basilare della fisica.

Un esperimento che apre sicuramente a nuove possibilità e a nuove scoperte future cruciali per l’Universo stesso.

Non significa per forza tornare indietro nelle ere e riuscire a incontrare i dinosauri o Napoleone, ma poter avere un più ampio raggio di azione sulla realtà. O semplicemente conoscerla meglio.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Immagine 23940953 on Picspree

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali.Acquista Online su SorgenteNatura.it