Le memorie epigenetiche vengono trasmesse per 14 generazioni

Non è passato molto tempo da quando la scienza era convinta che i nostri geni dettassero il nostro destino. Si pensava che fossimo condannati ad ammalarci per forza, sulla base di un codice indecifrabile e precablato, inciso nel nostro materiale genetico.

Oggi l’epigenetica ha totalmente sconvolto questa visione, aprendo a una prospettiva totalmente diversa dove l’educazione, più che la natura, influenza l’espressione genetica e le conseguenti malattie.

Epigenetica e scomparsa del determinismo biologico

L’epigenetica è lo studio dei meccanismi fisiologici che silenziano o attivano i geni e comprende i processi che alterano la funzione genica senza alterare la sequenza delle coppie nucleotidiche di base del nostro DNA. Tra questi, la metilazione, l’acetilazione, la fosforilazione, la sommilazione e l’ubiquità di circolazione, che possono essere trasmessi alle cellule figlie mediante la divisione cellulare.

La metilazione, ad esempio, è l’attaccamento di semplici marcatori metilici alle molecole di DNA che possono riempire la trascrizione di un gene quando si verifica nella regione di un promotore genetico. Questo semplice gruppo metilico, o un carbonio legato a tre molecole di idrogeno, estingue efficacemente il gene.

I geni caricano la pistola, ma è l’ambiente che preme il grilletto

I disturbi epigenetici sono numerosi. L’espressione genetica viene infatti influenzata da diversi fattori: cosa mangiamo, che stile di vita seguiamo, come siamo nati, come siamo stati allevati, che malattie infantili abbiamo avuto. Qualsiasi scelta di vita influenza il rischio di malattia attraverso meccanismi epigenetici.

Oggi sappiamo che la genetica rappresenta solo per il 10% la causa delle malattie. Il restante 90% è dovuto alle variabili ambientali. Su PloS One è stato pubblicato un articolo che fa eco a questa affermazione, dove persino la causa delle malattia croniche è per l’84,6% di natura ambientale e non genetica. L’esposizione a tutti gli attacchi ambientali che una persona sperimenta nella sua vita può quindi determinare la sua vulnerabilità alla malattia.

Il cosiddetto esposoma è suddiviso in tre domini sovrapposti e intrecciati:

  • ambiente interno: relativo ai processi innati nel corpo che invadono l’ambiente cellulare (ormoni, stress ossidativo, infiammazione, microbiota intestinale, ecc)
  • ambiente esterno specifico: esposizione ad agenti patogeni, radiazioni, inquinanti, interventi medici, dieta, ecc
  • ambiente esterno generale: stress psicologico, stato socio-economico, variabili geopolitiche, livello educativo, residenza urbana o rurale, clima, ecc.

Gli interferenti endocrini innescano l’infertilità nelle generazioni future

In passato gli scienziati avevano ipotizzato che i cambiamenti epigenetici scomparissero con ogni nuova generazione, durante la gametogenesi, la formazione di spermatozoi e ovuli dopo la fecondazione. Questa teoria è stata contestata da una ricerca pubblicata su Science, che ha dimostrato che l’esposizione transitoria di ratti gravidi all’insetticida metossicloro, un composto estrogenico, o con il fungicida vinclozolin, un composto antiandrogeno, provoca un aumento dell’incidenza di infertilità nei maschi, con la riduzione della produzione e della vitalità degli spermatozoi nel 90% dei maschi appartenenti alle generazioni successive.

Questi effetti sulla riproduzione sono stati associati a disturbi nei modelli di metilazione del DNA nella linea geminale, suggerendo che i cambiamenti epigenetici sono trasmessi anche alle generazioni future.

Eredità transgenerazionale di episodi traumatici: l’esperienza dei genitori modella i tratti della prole

Anche le esperienza traumatiche possono essere trasmesse alle generazioni future attraverso l’epigenetica e influenzare con la loro informazione la prole. Alcuni studi hanno messo in evidenza come l’esposizione a determinati fattori di stress, come la carestia durante il periodo di gestazione, sia associata a una salute scarsa della prole, con addirittura delle aspettative di vita inferiori.

L’impatto dell’epigenetica è stato anche illustrato dalla ricerca sugli effetti intergenerazionali del trauma, che mostra che i discendenti dei sopravvissuti all’Olocausto hanno profili anormali di stress ormonali e una bassa produzione di cortisolo in particolare. Per questo motivo, sono a maggior rischio di disturbo da stress post traumatico, ansia e depressione.

Studi più recenti condotti su alcuni vermi nematodi hanno inoltre dimostrato che l’espressione genica – in questo caso indotta in laboratorio – può persistere per almeno 14 generazioni, evidenziando come le memorie epigenetiche possano resistere per una quantità di tempo senza precedenti ed essere trasmesse come ricordi ai loro discendenti. Il tutto con lo scopo di prepararli alla sopravvivenza in situazioni analoghe a quelle vissute dagli antenati.

Queste scoperte mettono in discussione tutto ciò che era noto e assodato fino ad ora e certamente aprono a nuove prospettive di studio e di approccio alla realtà, ma anche alla medicina stessa.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonti [1]; [2]; [3]; [4]; [5]; [6]; [7]; [8]; [9]

Foto di Arek Socha da Pixabay

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali

Acquista Online su SorgenteNatura.it

Altre notizie