COMBATTERE L’ACNE IN MODO NATURALE ED EFFICACE

acne-scarsL’acne è una malattia della pelle, chiamata in linguaggio comune brufoli o foruncoli, caratterizzata da un processo infiammatorio del follicolo pilifero e della ghiandola sebacea annessa.

Le parti più colpite sono viso, spalle, dorso e regione pettorale del torace.

Le caratteristiche più comuni nell’acne sono tre: l’aumentata untuosità della pelle o seborrea, il punto nero o comedone, i brufoli infiammati (papule) o ripieni di pus (pustole)

L’acne è estremamente comune nei soggetti fra 14 e 19 anni. Il sesso maschile è colpito con frequenza lievemente maggiore, ma alla fine del XX secolo è stato rilevato un aumento dell’incidenza dell’acne volgare anche nel sesso femminile. La massima insorgenza di tali manifestazioni è nell’età adolescenziale si spiega con l’aumento della secrezione di androgeni.

Raro, ma non eccezionale, il protrarsi fino ai 30 anni. L’acne non è ereditaria, ma esistono fattori predisponenti genetici ed etnici. Spesso i casi di acne non hanno quindi nulla a che vedere con l’alimentazione, come sostengono molti medici; la verità è che una corretta dieta può essere in grado di fare da complemento alla risoluzione del problema.

Abbiamo detto che spesso la causa dell’acne è un’eccessiva produzione di androgeni. Gli androgeni sono degli ormoni maschili che causano nell’organismo un’elevata produzione di sebo. Quando c’è troppo sebo, i pori si infiammano e si infettano. Questo avviene perchè i detriti e i batteri rimangono intrappolati nei pori, causando le lesioni dell’acne. La produzione di androgeni si può controllare attraverso le proprie scelte alimentari.

I livelli di zucchero nel sangue sono direttamente correlati al delicato equilibrio ormonale. Un eccesso di zuccheri nel sangue può causare l’abbondanza di produzione di androgeni. E’ una sorta di effetto domino. Gli alimenti che aiutano a mantenere il livello di zuccheri nel sangue stabile sono carni magre (preferibilmente senza ormoni), noci e mandorle, pesce, cereali integrali e anche alcune spezie come la cannella e i chiodi di garofano.

Ovviamente questo non basta.

Molte persone colpite dall’acne sono solite usare dei rimedi non sufficientemente efficaci per eliminare il problema. Le ragazze, ad esempio adottano l’abitudine sbagliata di coprire la pelle del viso con il fondotinta per mascherare il disturbo, con il risultato di peggiorare la situazione.

Altri tentano la via della prescrizione medica che non risulta efficace in ogni soggetto; spesso alcuni farmaci portano la pelle a screpolarsi, altri danno degli effetti collaterali insostenibili.

Se nessuno dei rimedi finora provati ha avuto efficacia, è sicuramente ora di provare i dispositivi LifeWave Y-Age Glutathione. Il Glutatione si prende cura della pelle, la rende più morbida e pulita, fino a far scomparire il disturbo entro poche settimane.

E’ stato recentemente condotto uno studio sull’efficacia dei dispositivi Y-Age Glutathione su soggetti colpiti da acne:

Lo studio è stato condotto alla Essex Testing Clinic nell’Aprile 2010, da T.F. Miller, J.A. Erianne, A.E. Hollenback e N. DeNisco con il titolo di “Clinical Evaluation of an Anti-Acne Test System of Glutathione Patches and LifeWave Homeopathic Spray”.

 Sicurezza

  • 40 soggetti di età compresa fra 12 e 35 anni con livello di acne riconosciuto all’interno della scala di valutazione di Cook hanno fatto uso del dispositivo Y-Age Glutathione per 6 settimane. E’ stata valutata l’evoluzione dell’acne nei soggetti dopo 1, 2, 3, 4, 5 e 6 settimane di utilizzo del dispositivo
  • Nessun soggetto ha riscontrato irritazione della pelle durante l’intero periodo
  • 3 soggetti hanno lamentato un leggero prurito dove era stato applicato il dispositivo, ma non così forte da doverlo togliere

Istruzioni d’uso e procedura

  • Sono stati testati i punti di agopuntura CV6** e CV17***
  • Per essere inclusi nello studio, i soggetti dovevano lamentare una forma di acne da lieve a moderata, secondo la scala di valutazione di Cook
  • I soggetti che hanno soddisfatto i criteri di selezione sono stati valutati da un dermatologo autorizzato, per determinare il grado di acne sulla base della scala di Cook. Prima dell’inizio della sperimentazione sono stati contati e classificati lesioni sul mento, sulle guance e sulla fronte provocate dall’acne. Sono state scattate delle fotografie e sono state fornite le istruzioni per l’utilizzo dei dispositivi a casa.
  • Dopo 1, 2, 3, 4, 5 e 6 settimane di utilizzo un tecnico esperto ha fatto nuove valutazioni e scattato nuove immagini dei soggetti. Al termine della sesta settimana un dermatologo ha effettuato le valutazioni finali.

 Efficacia dei Dispositivi

  •  Le valutazioni effettuate al termine di ogni settimana di utilizzo non hanno riscontrato alcun risultato positivo entro la prima settimana. Al contrario, nelle settimane successive, si è osservato un miglioramento – quindi una diminuzione dell’acne – pari al 7,1% la seconda settimana, al 21,4% la terza e al 28,6% la quarta
  • I miglioramenti dopo 2,3 e 4 settimane di utilizzo del prodotto sono stati statisticamente significativi rispetto al punto di partenza
  • Le lesioni dei comedoni erano migliorate in maniera significativa dopo 2, 3 e 4 settimane di utilizzo del prodotto. Rispettivamente, si è registrato un miglioramento del 69,2%, dell’84,6%, e del 92,3%
  • Il numero di comedoni guariti sono significativamente aumentati dopo 2, 3, 4 e 6 settimane di utilizzo del prodotto, con una percentuae di miglioramento dell’83,3% dopo sole 3 settimane

**CV6 = 1,5 cun sotto l’ombelico
***CV17 = Sulla linea emisternale, fra i capezzoli, a livello del IV spazio intercostale

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali.