Mal di Testa? E’ colpa dei Farmaci!

Ogni qualvolta sopraggiunge un mal di testa, siamo portati a vedere nei farmaci la salvezza. Purtroppo, il farmaco rappresenta, al contrario, la nostra condanna. E’ sempre più diffuso il paradosso che vede proprio nel farmaco la concausa del mal di testa ricorrente.
Questo a causa dell’abuso e dell’uso scorretto del farmaco stesso. Sfortunatamente un atteggiamento molto diffuso è difatti quello legato all’auto-prescrizione e a un raddoppio delle dosi se il farmaco non offre benefici immediati. Una percentuale del 20-40% dei casi di emicrania che approdano ai Centri Cefalee sono proprio provocati dall’abuso di farmaci.
Hanno discusso di questo fenomeno numerosi specialisti che si sono riuniti in questi giorni a Sarnico, al convegno dell’Anircef. Il punto focale è che l’abuso di farmaci per alleviare la cefalea porta alla sua cronicizzazione, piuttosto che a una risoluzione. Esistono casi di pazienti che arrivano ad assumere fino a 15 antidolorifici al giorno: qualcosa di folle!
Quando si assumono antidolorifici in eccesso e continuativamente, la soglia di dolore non fa che abbassarsi, innescando un circolo vizioso. Questo porta di conseguenza a una vera e propria dipendenza, da cui è difficile sottrarsi. In molti casi si rende necessario un ricovero in day hospital, per sottoporsi alla disintossicazione dai farmaci … con la somministrazione di altri farmaci in endovena! Un vero paradosso, che si potrebbe semplicemente prevenire cambiando stile di vita e procedendo a una disintossicazione più delicata, che non costringa a ricorrere né al ricovero, né ai farmaci. Spesso basta dare una svolta alla propria dieta. Inizialmente possono essere d’aiuto prodotti naturali che supportino la disintossicazione, come il kit Y-Age di LifeWave.
L’abuso di farmaci è purtroppo diffuso in tutto il mondo, a prescindere dal paese, dal sesso e dall’età. Ad esempio in Gran Bretagna oltre un milione di persone soffre di mal di testa causato dall’abuso di antidolorifici. Una persona su 50 assume farmaci come ibuprofene, aspirina e paracetamolo per oltre 15 giorni al mese, innescando questo paradosso. Sembra purtroppo, questo, un fenomeno destinato a peggiorare, poiché i casi di emicrania nel mondo non fanno che aumentare. Nella sola Italia, ogni anno, i casi crescono del 12% e le donne in età fertile ne soffrono quattro volte più degli uomini. Non sarà il caso di rivedere il proprio stile di vita e dare una sferzata in direzione della salute?

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE SU TELEGRAM PER RICEVERE E LEGGERE RAPIDAMENTE TUTTI I NUOVI ARTICOLI

Articolo di generazionebio.com
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Copyright – Se non diversamente specificato, tutti i contenuti di questo sito sono © GenerazioneBio.com/Tutti i diritti riservati – I dettagli per l’utilizzo di materiali di questo sito si possono trovare nelle Note Legali.

Altre notizie